Meloni contestata sul palco da attivista Lgbtq+. Lei: “Hai già le unioni civili”. Lui replica: “Tutti hanno il diritto di costruirsi una famiglia”

Posted on

Si chiama Marco Marras il ragazzo con la bandiera arcobaleno che ha raggiunto ieri sera a Cagliari il palco su cui Giorgia Meloni, leader del Fratelli d’Italia, era appena salita per cominciare il suo comizio elettorale in piazza del Carmine, introdotta poco prima dal sindaco e compagno di partito Paolo Truzzu.

“Me la vuoi lasciare, grazie?”, ha detto Meloni al contestatore, che le stava spiegando le sue rivendicazioni in materia di diritti civili. “Tu vuoi delle cose. No, non devi scappare all’estero… Io voglio il diritto di pensarla in maniera diversa. È la democrazia. Ci rispettiamo pur non essendo d’accordo. Hai già le unioni civili, quindi puoi fare quello che vuoi. Gli facciamo un applauso? Rispetto il coraggio delle persone di difendere ciò in cui credono. Lo ringrazio per essere salito sul palco per rivendicare quello che ritiene giusto”.

Durante il comizio, poco dopo, la presidente di FdI – sul palco con i candidati in Sardegna Gianni Lampis, assessore regionale all’Ambiente, e il deputato uscente Salvatore Deidda – è stata contestata, all’angolo con via Sassari, da un gruppo pacifico di giovani al grido, ritmato da battimani: “Siamo tutti antifascisti!”.

Il post di Marras su Instagram

Oggi Marco Marras (“Non sono un attivista e non appertengo a nessun partito o associazione. Sono una persona che ha voluto esprimere un’idea”, scrive in una sua storia Instagram) ha spiegato con un post Ig il motivo della sua protesta sul palco di Giorgia Meloni. “Ho voluto in maniera pacifica esprimere il mio dissenso sulla sua visione della famiglia e ho voluto ricordargli che siamo tutti uguali o come direbbe lei Fratelli d’Italia, di un’unica nazione dove dovrebbe esserci il diritto di potersi costruire una famiglia che sia essa tra due uomini o due donne e che possano accedere alle adozioni. Per il resto ringrazio la leader Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia per il confronto e la polizia per essere stata buona con me perché ha capito che tipo di persona io sia, ovvero un ragazzo che voleva solo esprimere la sua opinione. Ringrazio tutti”, scrive Marras, che ieri dopo il suo intervento sul palco è stato accompagnato in Questura. “PS: comunque signora Meloni i cambiamenti si possono frenare ma saranno inevitabili e in Italia in futuro potrò sposarmi e adottare”.

La risposta di Meloni su Fb

Qualche ora dopo, la risposta di Meloni arriva su Facebook. La leader di FdI dice ancora una volta di aver apprezzato il coraggio di Marras “di difendere ciò in cui crede” perché “io penso che siamo tutti uguali e tutti Fratelli e penso che ciascuno abbia diritto ad amare chi vuole, e che lo Stato debba farsi i fatti suoi”. Poi ribadisce che “oggi ci sono le unioni civili e in Italia puoi tranquillamente legarti ufficialmente con chi vuoi; non proporrei di togliere questo diritto”, precisa Meloni. Quello su cui lei non è d’accordo con Marras sono le adozioni “ma non perché consideri il tuo sentimento di minore valore rispetto a quello che provano un uomo e una donna. Considero giusto, per intenderci, anche che lo Stato italiano non consenta l’adozione da parte dei single e penso che non mi dirai per questo che sono “singleofoba”, come non sono omofoba. Lo considero giusto perché penso che un bambino abbia diritto a crescere con un padre e una madre. Io sono cresciuta in una famiglia monogenitoriale. Non posso dire di essere stata infelice, ma mi è mancato un padre? Sì, non posso negarlo. Se lo dico tolgo qualcosa all’amore incondizionato di mia madre? No”, la spiegazione di Meloni. Che poi conclude: “Cerco di comprendere il tuo punto di vista: spero che prima o poi anche tu riesca a fare la stessa cosa”.

Le reazioni

Le parole di Meloni (“Avete già le unioni civili”) hanno scatenato diverse reazioni. “Una frase che è tutto un programma”, scrive su Twitter Enrico Letta, segretario del Partito democratico.

Hai già le unioni civili, quindi puoi fare quello che vuoi, ha detto Giorgia Meloni a un attivista Lgbti+ che l’ha contestata a Cagliari mostrandole i colori della bandiera rainbow. Eh no cara Giorgia Meloni, noi vogliamo la piena uguaglianza davanti alla legge e le unioni civili non bastano – dichiarano Yuri Guaiana, capolista di +Europa alla Camera dei deputati nei collegi di Bergamo e Treviso, e Matteo Di Maio, candidato sempre a Montecitorio nel collegio di Brescia – Noi vogliamo gli stessi diritti e gli stessi doveri che hai tu: scegliere di poterci sposare o no, di poter adottare o no, vogliamo che i nostri figli siano protetti dalla nascita esattamente come i tuoi. Perché i diritti non si concedono, si riconoscono pienamente, dai matrimoni alla genitorialità. E no, non ci caschiamo: anche nell’Ungheria del tuo amico Orbán ci sono le unioni civili, ma vediamo bene come la vita di centinaia di migliaia di persone sia peggiorata per via di leggi censorie e discriminatorie. Noi stiamo dalla parte dell’attivista Lgbti+ perché vogliamo una società libera, aperta e inclusiva dove tutti i cittadini siano eguali davanti alla legge”, concludono Guaiana e Di Maio.

Interviene anche Fabrizio Marrazzo portavoce Partito Gay – Solidale Ambientalista Liberale – Lgbt+: “Giorgia Meloni ha liquidato l’attivista Lgbt, che diceva di essere costretto ad espatriare per avere diritti, dicendo che lei doveva essere libera di dire quello che pensa. Ribadisco a Meloni che vietare i diritti LGBT+, come matrimonio, leggi contro le discriminazioni, tutele per le persone trans, significa non darci gli stessi diritti che lei come donna eterosessuale ha, quindi purtroppo quanto afferma sono principi discriminatori come riconosciuto all’Ungheria dalla Unione Europea. Ungheria che è il paese di riferimento per Meloni e Salvini. Come Partito GAY LGBT+ con il Movimento 5 Stelle siamo l’unica forza che prevede tutti i diritti per la nostra comunità, e ci candidiamo per fare fatti e non propaganda”, conclude Marrazzo che è anche candidato con il M5S (Collegio Uninomilane Camera 02 Puglia Cerignola, Manfredonia).

 

Jasaseosmm.com Smm Panel is the best and cheapest smm reseller panel Buy Twitter Verification for instant Instagram likes and followers, Buy Verification Badge, Youtube views and subscribers, TikTok followers, telegram services, and many other smm services. telegram, and many other smm services.